Tra i reperti di origine subacquea soltanto una statuetta bronzea femminile proviene dall’area del porto romano di Egnazia. Si tratta di un oggetto molto interessante perché quasi certamente interpretabile come un peso da stadera, strumento direttamente connesso alle attività commerciali.

Gli altri reperti presentati nel Museo virtuale provengono da zone più o meno vicine ad Egnazia (ad es. Monopoli) e sono da riferirsi a consegne spontanee degli scopritori o a sequestri operati dalle autorità di polizia.

Molto interessanti le ancore litiche, che hanno sempre suscitato un importante dibattito tra gli studiosi, come anche i cosiddetti corpi morti “a ciambella”.

Il ritrovamento di un dolium lungo queste coste suscita riflessioni sulle rotte delle onerarie che li trasportavano, aggiungendo un ulteriore tassello ad un quadro ben lungi dall’essere completato.

Ci piace segnalare, infine, un’anfora del tipo Late Roman 1, che conferma l’importanza commerciale della Puglia tardo antica e bizantina.

Reperti