Vista l’importanza del porto di Crotone anche in età post classica è normale che la località sia riportata nella grande maggioranza delle mappe nautiche medievali e moderne.

Il toponimo vi compare sempre di colore rosso, a denotare il livello importante del porto rispetto agli approdi minori di colore nero.

Nella Carta Pisana del 1275 anche le dimensioni del carattere sono maggiori1, come in un portolano genovese databile al periodo 1320-13502 e negli Atlanti Luxoro3 e Cresques4.

Nel dettagliato Atlante del 1467 di Grazioso Benincasa5 sono tracciati alcuni elementi degni di nota: dinanzi l’insenatura del porto di Crotone si notano due puntini, attribuibili certamente ad isolotti o secche di grosse dimensioni, come anche di fronte a Le Castella, dove i punti sono tre. Questo approdo è contraddistinto da due linee parallele perpendicolari alla costa, come fosse un porto/canale.

Un dettaglio della Calabria dall’Atlante di Graziano Benincasa del 1465 (Source gallica.bnf.fr / Bibliothèque nationale de France, département Cartes et plans, CPL GE DD-1988 RES)

Circa un secolo dopo, nell’Atlante nautico di Diego Homem6, si intravede un’isola importante dinanzi Capo Colonna dalla quale si dipartono, verso sud, una serie di punti paralleli alla linea di costa, fino a Squillace passando davanti Le Castella. Si tratta indubbiamente della segnalazione di scogli semi sommersi che caratterizzano ancora oggi questo tratto di mare.

Ma è indubbiamente nel Libro della Marina del turco Piri Reis7 (1525-1526) che compaiono alcuni dettagli del massimo interesse. Tra la città murata di Crotone e la chiesa di Santa Maria del Mare, sorta praticamente su un’isolata formazione rocciosa dinanzi il porto, sono palesemente presenti una serie di scogliere/moli destinati ad ospitare il naviglio minore. La navi di stazza maggiore, come viene specificato nel testo, compaiono in un’altra zona definita come “costruita”8.

 

 

Nell’immagine si vede, infatti, una nave tonda di dimensioni importanti ormeggiata con doppia ancora nella rada meridionale, di fronte ad un molo costruito proteso a sud-est. Un molo analogo, ma con direzione nord-ovest, è presente nella rada opposta rispetto alla città.

Mappa di Crotone e delle coste vicine dal Libro di Marina di Piri Reis (Walters Art Museum, Baltimore)

 

 

Anche nella carta di Piri Reis, subito a sud di Crotone e fino a La Tonnara, sono presenti crocette parallele alla linea di costa che stanno a simboleggiare una zona pericolosa per la navigazione con scogli semi affioranti. Dopo La Tonnara è palese la presenza di una baia con una sorgente d’acqua dolce. A Capo Bianco sono nuovamente evidenziati scogli pericolosi, mentre dinanzi Le Castella campeggiano due isole.

 

 

 

 

 

 

 

 

NOTE

1 Si tratta della più antica carta nautica giunta ai nostri giorni. (Bibliothèque nationale de France , département des Cartes et Plans, CPL GE B-1118 RES).

2 Library of Congress Geography and Map Division Washington, D.C. G5672.M4P5 13– .P6 (https://www.loc.gov/resource/g5672m.ct000821/).

3 GEN01 GEN01 MANUS BER Biblioteca Berio BCFAN Conservazione Fondo XVII-XVIII secolo m.r.Cf.Arm.2 811 1035180-10 20090416 92 Escluso prestito 19911225 . Manoscritto membr. del sec. XIV.

4 Datata al 1375. Si tratta di uno dei più importanti portolani/mappe medievali (Bibliothèque Nationale de France, Département des manuscrits. Espagnol 30).

5 Bibliothèque nationale de France, département Cartes et plans, CPL GE DD-1988 (RES).

6 Databile al 1559 (Bibliothèque nationale de France, département Cartes et plans, CPL GE DD-2003 RES)

7 Il libro sulla navigazione di Piri Reis è conservato presso la Biblioteca di Santa Sofia ad Istanbul (MS Süleymaniye-Aya Sofya 2612). La copia da noi utilizzata è quella del Walters Art Museum, Baltimora, scaricabile online (https://art.thewalters.org/detail/19195)

8 Per la traduzione di alcuni passaggi cfr. anche MARINO et al. 2010, pp. 7-9. Per la versione bolognese della carta di Piri Reis (Biblioteca Universitaria di Bologna, MS Marsili 3609) si v. VENTURA 1990, pp. 2-10, figg. 4-5.

 

BIBLIOGRAFIA

MARINO et al. = Marino D., Bartoli D., Corrado M., Liperoti D., Murphy D.., 2010, Prospezioni Archeologiche Subacquee a Crotone. Prima Campagna 2009 tra le Località Porto Vecchio e Tonnara, in The Journal of Fasti Online 192, pp. 1-22

Ventura A. 1990, Il Regno di Napoli di Piri Re’is. La Cartografia Turca alla Corte di Solimano il Magnifico, Fabriano