Terms & Conditions

N. rif. MUSAS

BAI-022

N. inv. 

268737

Descrizione

Rinvenuta nel 1969 all’interno del Ninfeo imperiale sommerso di Punta dell’Epitaffio, durante le operazioni di recupero delle statue di Ulisse e del suo compagno con l’otre, la moneta d’oro giustinianea, databile al VI secolo d.C. è stata a lungo considerata importante per la datazione dell’abbandono del complesso: si pensava infatti che si riferisse a una sepoltura impiantatasi in età tardo-antica all’interno dell’antico ninfeo di Claudio, ormai evidentemente defunzionalizzato. C’è da dire, però, che studi più recenti hanno messo in discussione questa interpretazione: il contesto di rinvenimento della moneta non sembra, infatti, del tutto certo.

Misure

Diametro cm 1,6

Materiale

Oro

Collocazione

Museo Archeologico dei Campi Flegrei, sala 55b

Provenienza

Ninfeo imperiale sommerso di Punta dell’Epitaffio (1969)

Datazione

538 d.C.

Degrado biologico

Il manufatto non presenta fenomeni di degrado biologico.

Bibliografia

Avilia F., Caputo, P. 2015, Il ninfeo sommerso di Claudio a Baia. Napoli: Valtrend Editore.

Gianfrotta, P. A., 2020, ‘Tracce e indizi del bradisismo flegreo: fonti e testimonianze archeologiche’, Atlante Tematico di Topografia Antica, 30.

Zevi F. 1983, Baia. Il ninfeo imperiale sommerso di Punta Epitaffio. Banca Sannitica.

Zevi F. (cur.) 2009, Museo archeologico dei Campi Flegrei. Castello di Baia. Napoli: Electa Napoli.