Terms & Conditions

N. rif. MUSAS

KAU-21

N. inv.

78699

Descrizione

Ceppo d’ancora litica. Blocco cuspidato. Incavo appena accennato. Lacunoso di parte di un braccio. Lavorazione poco accurata.

Misure

Lungh. max. cm 38,5; lungh. braccio cons. cm 20; largh. max. cm 9,1; spess. med. cm 7.

Materiale

Pietra beige.

Collocazione

Giardino Museo Archeologico dell’antica Kaulon

Provenienza

Monasterace (RC). Tratto di costa tra la fiumara Assi e il tempio dorico dell’antica Kaulonìa.

Datazione

VII – IV a.C.1

Degrado biologico

L’ancora presenta una colonizzazione epilitica (superficiale) dovuta principalmente a Policheti serpulidi evidenti con il caratteristico tubo calcareo e una colonizzazione endolitica, localizzata in alcuni punti, dovuta alla presenza del mollusco endolitico Rocellaria dubia. Tale degrado si evince dal caratteristico foro ad 8, prodotto dall’animale per far fuoriuscire i sifoni all’esterno.

Bibliografia

MEDAGLIA 2002, p. 178

1 Per una rassegna dei ceppi maggiormente noti, cfr. GIANFROTTA 1975; Id. 1977 e ID. 1982. Su alcuni ceppi litici provenienti da Metaponto e da Locri (utilizzati da dedicanti in ambito cultuale), cfr. BOETTO 1997, pp. 51 e ss.

 

BIBLIOGRAFIA

Boetto G. 1997, Ceppi litici “sacri” e culti aniconici a Metaponto e a Locri, in Archeologia Subacquea II, pp. 51-64.

Gianfrotta P.A. 1975, Le ancore votive di Sostrato di Egina e di Faillo di Crotone, in La Parola del Passato, 30, pp. 311-318.

Gianfrotta P.A. 1977, First elements for the dating of stone anchors stocks, in IJNA VI, pp. 285-292.

Gianfrotta P.A. 1982, L’ancora di Klutikuna (ovvero, considerazioni sulla tomba 245 di Valle Trebba), in Bollettino dei Musei Ferraresi 12, pp. 59-62.

Medaglia S. 2002, Materiali erratici dal mare di Kaulonia, in Archeologia Subacquea, Studi Ricerche, Documenti, III, pp. 163-185.