In questa sezione sono inseriti tutti quei reperti che non appartengono a relitti noti oppure non provengono da contesti subacquei di naufragio accertato.

Da sottolineare la presenza di un unicum, rappresentato dal braccio superstite di un ceppo d’ancora litico con dedica di Phaillos che, con buone probabilità, va identificato con il famoso atleta vincitore di numerosi giochi, nonché artefice dell’invio di una trireme che partecipò alla battaglia di Salamina.

Altro oggetto del massimo interesse è costituito da un elmo arcaico di tipo corinzio, rinvenuto nel 1931 assieme a due anfore a sud di Capo Colonna.